Torna a forumpa.it

Programma congressuale

Torna alla home

  da 09:30 a 11:30

Rafforzamento della legalità per liberare le potenzialità delle comunità [ co.04 ]

Sala: Sala 3

Fenomeni corruttivi, infiltrazioni mafiose nelle amministrazioni con l’obiettivo di condizionare l’economia e l’azione amministrativa, sono fattori frenanti dello sviluppo dei territori. L’illegalità sottrae risorse e azzera le opportunità di sviluppo e crescita. Il contributo alla strategia dell’Unione europea per il raggiungimento della coesione economica, sociale e territoriale viene assicurato dal Programma Operativo Nazionale Legalità. Il PON interviene su tre direttrici: rafforzamento dell’azione amministrativa di contrasto alla criminalità organizzata e alla corruzione; supporto al mondo imprenditoriale; inclusione sociale e sostegno all’economia sociale.


In collaborazione con

Programma dei lavori

Modera e coordina

Mochi Sismondi
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (21 e 39 anni), sono nonno. All’Università ho scelto Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento in pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out. Ho fatto per dieci anni l'operaio (falegname) e poi mi sono occupato di marketing, di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 30^ edizione. Nella mia ormai trentennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 19 Governi e con 17 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni. Nei miei contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

Discussant

Allucci
Giovanni Allucci Presidente del CdA - Agrorinasce
Borgomeo
Carlo Borgomeo Presidente - Fondazione Sud
Del Medico
Giuseppe Del Medico Responsabile progetto "open data aziende confiscate" - Unioncamere Biografia

Nell’ambito delle attività svolte nell’Unione Italiana delle Camere di commercio (Unioncamere) cura, sviluppa e coordina iniziative europee e nazionali per l’attuazione nelle Camere di commercio delle tematiche relative alla legalità e all’anticorruzione nel sistema economico.

In tale ambito, a titolo di esempio, partecipa a gruppi di lavoro europei (ARO’S group Commissione europea) ed è componente di diversi tavoli di coordinamento inter istituzionali quali, il Tavolo Inter istituzionale di coordinamento anticorruzione istituito dal Ministero degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale, il gruppo di studio istituito dal Commissario Straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura.

Progetta e cura, inoltre, la partecipazione dell’Unioncamere ai finanziamenti e ai progetti inerenti lo sviluppo di sistemi per la prevenzione e il contrasto della illegalità economica. Tra questi si cita, a titolo di esempio tra quelli più recenti, il progetto “SoS legalità” (finanziamento “Programme Prevention of and Fight against Crime – ISEC) e il progetto “Project Anti Corruption Toolkit form SMEs” (finanziamento europeo home/2014/ISFP/AG/EFCE7198) e il progetto “Open Data Aziende Confiscate” finanziato all’interno dell’Asse 1 “Contrasto alla corruzione e alla criminalità organizzata (FESR) del PON Legalità 2014-2020.

Cura i rapporti e coordina le azioni con partner istituzionali (tra i quali l’Agenzia dei Beni Confiscati o il MIUR) e sociali (Transparency International) per lo sviluppo congiunto di programmi e attività.

Cura e coordina le azioni a supporto del contrasto della corruzione e della illegalità economica (sistemi informativi di analisi, progettazione di misure di prevenzione, diffusione presso le PMI) e le azioni volte alla sensibilizzazione ed educazione alla legalità nel sistema imprenditoriale (tra queste le azioni rivolte alle scuole).

Chiudi

D'Urso
Valentina D'Urso Dirigente Ufficio Gestione e Attuazione - PON Legalità
Giuliani
Fabio Giuliani Referente per Libera in Campania
Martini
Giorgio Martini Agenzia per la Coesione Territoriale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Autorità di Gestione PON Città Metropolitane 2014-2020 Biografia
Nato a Roma il 14 novembre 1957.
Da agosto 2012 Dirigente della Divisione IV presso la Direzione Generale per la Politica Regionale Unitaria Comunitaria del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero dello Sviluppo Economico.
Da Luglio 2015, nell’ambito delle competenze della DIvisione IV, ha assunto anche la funzione di Autorità di Gestione del PON CIttà Metropolitane 2014-2020.
 
Precedenti incarichi:
Da giugno 2011 Dirigente della Divisione XI presso la Direzione Generale per la Politica Regionale Unitaria Comunitaria del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero dello Sviluppo Economico.
Da dicembre 2010 con Decreto del Direttore Generale dell'Ufficio per gli Affari Generali e le Risorse del Ministero dello Sviluppo Economico,
ha assunto ad interim anche la responsabilità del Centro di Responsabilità Programmi Comunitari nell'ambito del quale operano tre Centri di Competenza.
Da agosto 2002 - Dirigente responsabile del Centro di Competenza Politiche di Coesione all'interno della Direzione Centro di Responsabilità Programmi Comunitari dell'Istituto per la Promozione Industriale (IPI), con funzioni di responsabile delle attività per la fornitura di servizi di assistenza tecnica alle amministrazioni pubbliche (in particolare al Ministero dello· Sviluppo economico), in merito alla programmazione, gestione, attuazione, valutazione e controllo di programmi e interventi cofinanziati nell'ambito della politica di coesione dell'Unione Europea.
Il Dipartimento si compone di tre servizi (la cui responsabilità è affidata a "quadri") nel quale lavorano una ventina di unità.
Dal 1996 come funzionario e poi come Quadro presso l’I.P.I. - Istituto per la Promozione Industriale, agenzia tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico, specializzata in politiche industriali, incentivi finanziari alle imprese, fondi europei e programmi di cooperazione internazionale.
Da ottobre 1985 IASM -Istituto per l'Assistenza e lo Sviluppo del Mezzogiorno con qualifica di funzionario

Chiudi

Papa
Raffaella Papa Curatore Scientifico - Spazio alla legalità Biografia

Imprenditrice e consulente d'impresa, con Intramedia lancia nel 2012 il CSR Project con la puntata zero del Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale Condivisa, giunto alla 7a edizione nel 2019, e la costituzione dell'associazione Spazio alla Responsabilità. Oggi rappresenta un aggregato di oltre 100 organizzazioni che hanno sottoscritto la Carta di Napoli, il Manifesto dei Valori e delle linee programmatiche del CSRMed Forum, quale piattaforma di scambio, promozione e programmazione, multistakeholder e multi‐settoriale, capace di accelerare processi collaborativi e nuove forme di cooperazione tra i soggetti coinvolti. 
Relazionandosi con il mondo delle imprese e delle professioni, con istituzioni e associazioni di categoria, con scuole ed università, attraverso servizi di consulenza, formazione ed organizzazione scientifica di convegni seminari e workshop, tre sono le aree di competenza:  Legalità e Accountability, Innovazione e Sostenibilità, Inclusione e Coesione sociale, concentrando ad oggi il suo impegno nella diffusione dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e dell'istituto del "rating dì legalità" come leva di cambiamento nelle imprese. Su quest'ultimo ha scritto diversi articoli, pubblicati dalla Rivista Scientifica Rassegna Economica di SRM-Gruppo Banca Intesa.

 "IL RATING DI LEGALITÀ NEL MODELLO COMPETITIVO DELLA RESPONSABILITA' SOCIALE"  edizione 2015 

 "DAL RATING DI LEGALITÀ ALLA REPUTAZIONE COME ASSET PER LA COMPETITIVITÀ" edizione 2017 

"IL RATING DI LEGALITÀ COME AGENTE DEL CAMBIAMENTO NELL'ERA DELLA TRASFORMAZIONE DIGITALE"  edizione 2018 

Chiudi

Santangelo
Marella Santangelo Professore di composizione architettonica e urbana - Università degli Studi di Napoli Federico II
Torna alla home